FAQ

La ribellione mira a far scendere in piazza migliaia di persone comuni. I suoi obiettivi, messaggi e metodi sono compatibili con una vasta gamma di persone. Il compito è quello di metterle in grado di unirsi, per proteggere ciò che più conta per loro contro la minaccia universale dell’estinzione.

La strategia della ribellione all’estinzione si basa su un’organizzazione basata sullo slancio: in un gioco di domini sociali, miriamo ad essere la spinta iniziale che mette in moto la società, spingendola verso un punto di svolta sociale oltre il quale un profondo cambiamento politico è inevitabile.

Il sistema si basa su persone che lavorano per esso. I pilastri del potere crolleranno quando le persone si rifiuteranno di partecipare ancora, e ritireranno il loro sostegno ai progetti omicidi. Questo significa che la maggior parte delle nostre azioni sono, direttamente o indirettamente, rivolte al pubblico, sfidando i nostri concittadini a disobbedire a loro volta.

La verità principale che vogliamo far conoscere al mondo è che il collasso climatico e il collasso ecologico sono minacce universali. Riconosciamo anche che non siamo tutti uguali nell’affrontare queste minacce, né abbiamo tutti la stessa responsabilità morale. Riconoscere questo è la chiave della giustizia globale e di un futuro per tutti. Eppure, è spesso quando si rendono conto che stanno proteggendo ciò che è più caro a loro personalmente che le persone diventano pronte a fare sacrifici, e a ribellarsi. Collettivamente, dobbiamo quindi fare spazio ad ogni forma di dolore, rabbia e preoccupazione. Ci colleghiamo in empatia, senza stabilire una gerarchia della sofferenza. Veniamo come siamo e incontriamo le persone dove sono. Le ragioni per unirsi alla ribellione sono numerose e diverse come la popolazione della Svizzera. Parliamo a partire dalle nostre esperienze, e insieme, incarniamo una verità sfaccettata, fatta di una miriade di realtà vissute.

La Svizzera prevede di ridurre a zero le sue emissioni nette di carbonio entro il 2050, rispettando così l’obiettivo concordato a livello internazionale di limitare il riscaldamento globale a un massimo di 1,5°C rispetto all’era preindustriale. Oltre al fatto che questa scadenza è troppo tardi per garantire un futuro sicuro e sano per tutti noi (vedi Domanda: “Perché il 2025?"), la Svizzera non ha ancora nessun piano concreto su come vuole implementare e raggiungere l’obiettivo dello zero netto del 2050. Non molto rassicurante, vero?

Alcune persone hanno criticato la ribellione per il suo uso degli arresti di massa, con la motivazione che non tutti sono uguali di fronte ad un arresto. È assolutamente corretto che alcune persone rischiano conseguenze peggiori di altre, per esempio se hanno una situazione precaria, non hanno documenti, o sono più soggette alla violenza della polizia. È nostra convinzione che il privilegio venga con la responsabilità di usarlo per il bene maggiore, e che coloro che possono infrangere la legge al minor costo per se stessi hanno il dovere di essere i primi a farlo. Questo significa noi in Occidente, e i più privilegiati di noi all’interno dell’Occidente. Tuttavia, sarebbe vittimizzante e depotenziante insinuare che quelli di noi che hanno più da perdere difficilmente saranno abbastanza coraggiosi da decidere di rischiare, per ciò che è niente meno che la difesa della vita di tutti su questo pianeta.

Ciò che è fondamentale è che ognuno prenda decisioni pienamente informate sulla propria parte nella ribellione. La ribellione fa del suo meglio in ogni momento per assicurare che nessuno venga accidentalmente arrestato senza essere preparato e disposto, e che le persone siano sostenute prima, durante e dopo l’arresto.

A differenza di molti grandi profitti, fondazioni e cosiddetti comunicatori climatici, noi scegliamo di essere schietti sulla portata del problema. La paura è una reazione normale e sana alla verità, e non cerchiamo di proteggere le persone da essa. Ecco le ragioni: in primo luogo, con la verità, diamo alle persone l’opportunità di affrontare i fatti e i loro sentimenti, e andare avanti in modo produttivo. Senza la verità, neghiamo loro questa possibilità. In secondo luogo, mentre è esatto che la verità sul clima travolge alcune persone, aiuta altri a sentire l’urgenza e ad entrare in modalità emergenza come ribelli. Alcune persone potrebbero essere “spente” dalla verità sul clima temporaneamente, ma la elaboreranno nel tempo e poi entreranno in modalità di emergenza più tardi. Per evitare di essere paralizzati dalla paura e dall’impotenza, non usiamo solo la paura, ma forniamo anche percorsi di azione, e diamo alle persone il potere di combattere per ciò che hanno di più caro. Dobbiamo ricordare alla gente che i movimenti sociali come la ribellione che stiamo progettando possono causare un immenso e rapido cambiamento. Naturalmente è difficile. Naturalmente le persone si sentiranno spaventate, arrabbiate e addolorate. Incoraggiamo le persone a riconoscere questi sentimenti e imparare a vederli come una chiamata all’azione. Il potere di questa strategia di dire la verità è stato dimostrato dalla mobilitazione esplosiva raggiunta dalla ribellione in tutto il mondo attraverso la sua conferenza standard, “Heading for extinction, and what to do about it?”

Ammiriamo il duro lavoro di persone e organizzazioni che cercano di mettere insieme proposte politiche coerenti e pensiamo che siano assolutamente necessarie come forza di proposta alla nostra società. Ma la ribellione riempie una nicchia strategica diversa nell’ecosistema del movimento: il nostro obiettivo principale è quello di rivolgersi al pubblico per portarlo a simpatizzare, cambiare idea e ribellarsi. Per permettere la massima partecipazione, abbiamo dovuto allinearci dietro un insieme minimo di 3 richieste: dire la verità, agire ora, e stabilire assemblee di cittadini sulla giustizia climatica ed ecologica. Ci sembrano eminentemente rispettabili e legittime come esseri umani. Usciamo dalle nostre bolle sociali e incontriamo le persone dove sono, indipendentemente dalle loro opinioni personali su politiche specifiche. Come gruppo auto-selezionato di persone, i ribelli non hanno alcuna legittimità nell’imporre politiche a nessuno - tuttavia, chiediamo che le assemblee dei cittadini, rappresentative delle persone di questo paese nella loro diversità, possano decidere il miglior percorso da seguire.

L’obiettivo e la strategia della Ribellione è dire la verità. Siamo qui per comunicare ciò che è necessario (secondo il nostro primo principio), non per cercare di indovinare ciò che è politicamente fattibile o meno. In base a questa logica, la nostra richiesta avrebbe potuto essere “neutralità del carbonio entro il 1975”, ma questo diventa fisicamente impossibile, non solo politicamente impossibile. La cosa migliore successiva è il 2025. Una giustificazione scientifica, la spiegazione dei bilanci del carbonio, ecc. può essere trovata qui.

Abbiamo un approccio senza colpevolizzazione e vergogna nei confronti della polizia e dalla nostra disciplina nonviolenta accettiamo di trattare la polizia con rispetto. Siamo disposti ad essere arrestati come parte della nostra strategia di verità: per quanto riguarda la nostra campagna, la polizia gioca il suo ruolo, noi il nostro. In Svizzera, abbiamo preso la decisione, per la ribellione dell’ottobre 2021, di contattare presto la polizia e comunicare apertamente i nostri piani. Questo aumenta la sicurezza per tutte le persone coinvolte e crea un dilemma interessante per la polizia che possiamo sfruttare. Questo è per i paesi specifici da capire, prendendo in considerazione le proprie circostanze e le potenziali opportunità strategiche che sono state descritte.

Abbiamo paura della violenza che il caos climatico e la rottura dell’ecosistema porteranno all’umanità e alle nostre comunità. Per evitarlo, la ribellione mira a riunire le persone e stabilire assemblee di cittadini - un modo per diminuire la probabilità di guerre civili. In questa logica, la ribellione è rigorosamente non violenta e rimarrà sempre tale. Inoltre, trattare i nostri avversari con rispetto è anche una scelta tattica, in quanto aumenta la probabilità che disertino. Creando disordini in modo pacifico, presentiamo al governo un dilemma. Lasciarci continuare incoraggerà altri ad aderire. Reprimerci minerà la loro stessa legittimità e spingerà più persone in strada. La nostra strategia si basa sulla nonviolenza classica e sulle tattiche che hanno portato tante persone in tutto il mondo a vittorie storiche, in lotte diverse come la decolonizzazione (Gandhi…), la fine della segregazione razziale (Freedom Riders, Martin Luther King…), il rovesciamento di dittature (Otpor! in Serbia…), l’intervento dei governi sulla pandemia di AIDS (ACT UP!) o, nella nostra Svizzera, la fine del servizio militare obbligatorio (obiettori di coscienza).

Quello che facciamo è costituzionale, legittimo e proporzionato di fronte alla catastrofe climatica in cui stiamo entrando. Sulla base del nostro quarto principio, siamo un movimento aperto e consideriamo che l’apertura e la trasparenza è ciò che permette la crescita di un movimento di massa. Le nostre azioni non sono segrete e agiamo in piena luce pubblica e accettiamo le conseguenze dei nostri atti. In caso di repressione individuale, organizzeremo l’appoggio, pubblicizzeremo in modo massiccio e non ci lamenteremo ma mostreremo la nostra determinazione e il nostro coraggio.

I ribelli non vogliono il potere per se stessi. Non vogliono imporre politiche specifiche agli altri. Vogliono che l’intera società decida, nel modo più veloce e democratico possibile, come condurre una decarbonizzazione di emergenza e guidare l’umanità lontano dall’estinzione. La terza richiesta dell’Extinction Rebellion è che i governi (a livello locale, cantonale, federale e internazionale) creino e siano guidati da assemblee di cittadini sulla giustizia climatica ed ecologica. Studi sociali hanno dimostrato in passato che questo è un modo efficace per rompere gli impasse politici, come quello in cui ci troviamo attualmente. Permette ai cittadini comuni, rappresentativi della popolazione nella sua diversità, di avere un’influenza reale sulle decisioni relative all’uscita dalla crisi ecologica e climatica. Gli studi hanno anche dimostrato che questi mini-pubblici di solito presentano proposte più creative e coraggiose di quelle dei politici. Infine, ma non meno importante, quando seguono una serie di regole rigorose, aumentano le probabilità che le misure proposte tengano conto della giustizia sociale e vengano accettate dalla popolazione più ampia. Riunisce le persone, risanando le società fratturate, facendo in modo che tutti possano incontrare e ascoltare tutti gli altri (città - campagna, giovani - vecchi, di sinistra - di destra - apolitici).

Certo che no. Non proviamo piacere nel causare perturbazioni nella vita quotidiana delle persone, ma riconosciamo il potere della perturbazione per innescare conversazioni, far fare alla gente un passo indietro e mettere in discussione i loro assunti precedenti sulla realtà che li circonda. Quando il teatro è in fiamme, è necessario interrompere lo spettacolo per dare l’allarme.

Si tratta di strategie diverse. La strategia della Ribellione si basa su un’organizzazione basata sullo slancio: in un gioco di domini sociali, vogliamo essere la spinta iniziale che mette in moto la società, spingendola verso un punto di svolta sociale oltre il quale un profondo cambiamento politico è inevitabile. Il nostro obiettivo principale è quindi quello di rivolgersi al pubblico per portarlo a prendere posizione sulla crisi climatica ed ecologica. Il nostro compito è quindi quello di massimizzare le possibilità che si uniscano alla parte che lotta contro l’estinzione. È anche il motivo per cui ci atteniamo sempre a un insieme minimo di 3 richieste generali, che si dà il caso parlino a molte persone.

Una tattica importante della ribellione è l’arresto di massa. Sta seguendo le orme di molti movimenti pacifici di successo che hanno usato questa tattica. L’arresto di massa serve a due scopi principali. Primo, agisce come un segnale di onestà: con questo sacrificio, i partecipanti dimostrano che non stanno agendo per interesse personale, e dimostrano il loro forte impegno alla causa. Questo gli fa guadagnare il rispetto e la fiducia del pubblico, e aumenta l’importanza del problema nella mente del pubblico: è effettivamente così brutto che la gente è disposta a sacrificare la propria libertà per fermarlo. Questo è particolarmente importante quando si lotta contro le emergenze climatiche ed ecologiche in Svizzera: i manifestanti non combattono specificamente contro la propria oppressione, né sono loro stessi i più colpiti dalle crisi. Perché le loro voci siano prese sul serio, devono dimostrare la loro assoluta serietà. In secondo luogo, serve a sopraffare la polizia e il sistema giudiziario, e a portare scompiglio nei tribunali. Una volta lì, che sia attraverso centinaia di testimonianze accorate, o atti di non cooperazione durante i processi, i manifestanti portano la causa al cuore del sistema giudiziario. I bersagli del loro attivismo diventano i giudici stessi.

Non glorifichiamo i ribelli che vengono arrestati rispetto a quelli che non scelgono di mettersi in quel ruolo. Lavoriamo per avere una cultura rigenerativa di gratitudine che valorizzi ogni contributo al movimento, soprattutto perché molti ribelli in vari ruoli vi sacrificano molto. Per ogni persona arrestata, ci sono circa 10 ribelli che hanno lavorato duramente per renderlo possibile! Tuttavia, se l’arresto di massa è stato scelto come strategia, allora gli arresti devono essere celebrati e resi ‘cool’ in modo che la strategia sia sostenibile per gli attivisti stessi e per il movimento (ad esempio, il movimento serbo Otpor! che ha rovesciato Milosevic ha dato una maglietta speciale a chi è stato arrestato 10 volte). In realtà, più brutti sono gli arresti, più preparati devono essere i ribelli, e più potenziante deve essere l’esperienza prima e dopo il periodo di detenzione. Essere arrestati non è una cosa leggera, e noi lo facciamo capire preparando bene i nostri ribelli con consigli legali e psicologici durante i nostri addestramenti di Azione Diretta Non Violenta. Tuttavia, è anche una scelta tattica rendere divertente il momento dell’arresto, applaudendo e applaudendo, per avvilire i ribelli, disorientare la polizia e, in definitiva, incoraggiare più persone a disobbedire.

In Svizzera, Extinction Rebellion ha raccolto fondi principalmente da piccoli donatori. Pubblica un rapporto finanziario annuale apertamente disponibile.

Rapporto Finanziario 2020

Siamo un’organizzazione decentralizzata - chiunque può agire come parte di Extinction Rebellion e fare cose in nome di Extinction Rebellion se persegue le nostre richieste comuni seguendo i nostri principi e valori - le persone non hanno bisogno del permesso di nessuno su questa base. Grandi gruppi di ribelli lavorano insieme usando sistemi auto-organizzati, che è il caso di XR-CH. Il potere è investito nei ruoli attraverso l’uso di mandati piuttosto che detenuto dalle persone, e le persone sono autonome nell’adempiere lo scopo dei ruoli che energizzano. È un sistema creativo che cresce in risposta ai bisogni dell’organizzazione. XR Switzerland si organizza in circoli focalizzati su Azione e Strategia, Outreach e Mobilitazione di massa, Media e Messaggistica, Finanze e Raccolta fondi, Cultura rigenerativa, Sistemi di auto-organizzazione, Collegamento con la Svizzera tedesca e italiana e Affari legali. Un cerchio di ancoraggio generale si riunisce per migliorare il flusso di informazioni tra i team e risolvere questioni organizzative che mancano di chiarezza. Una panoramica si trova su holaspirit.

Un detto dice: “Una volta che un’azione di disobbedienza civile nonviolenta è in atto, ha già vinto”. Questo è dovuto alla natura di “dilemma” di questo tipo di azione per le autorità. Se le autorità lo lasciano fare, perdono la faccia e nuove persone si uniscono all’azione e aumentano la portata della perturbazione. Se le autorità reprimono l’azione, permettono ai manifestanti di dimostrare la forza della loro determinazione e impavidità, guadagnandosi il rispetto mantenendo una disciplina non violenta, e affrontandone le conseguenze. Questo aumenta l’importanza della questione nel dibattito pubblico e porta nuove persone nella lotta. Questa strategia classica della nonviolenza ha avuto grande successo in molti contesti diversi nella storia. Nel caso in cui le nostre tre richieste non siano soddisfatte dopo la ribellione di ottobre, la sfida sarà più che altro quella di sfruttare al massimo lo slancio che abbiamo costruito, in modo che la vittoria arrivi rapidamente dopo, perché il tempo sta per scadere per ribaltare le cose! Infine, può essere smielato ma è vero: fare ciò che è giusto non può mai essere un fallimento. E con i nostri governi che dirigono l’umanità verso la morte e la sofferenza di massa, ribellarsi non è mai stato così giusto.

30 anni fa era il momento di ribellarsi. Il prossimo momento migliore è ORA.

Il potere politico potrebbe essere a Berna, ma Zurigo è semplicemente dove vive la maggior parte della gente. In primo luogo, disordini su larga scala nella più grande città della Svizzera non possono essere ignorati dal governo, cioè a chi ci rivolgiamo con le nostre richieste. In secondo luogo, è qui che la ribellione avrà il maggior impatto sulla gente, e la gente è quella a cui ci rivolgiamo. Non proviamo piacere nel causare perturbazioni nella vita quotidiana delle persone, ma riconosciamo il potere della perturbazione per innescare conversazioni, far fare alla gente un passo indietro e mettere in discussione i loro assunti precedenti sulla realtà che li circonda. Quando il teatro è in fiamme, è necessario interrompere lo spettacolo per dare l’allarme.

Il livello di disturbo raggiunto da un’azione è abbastanza indipendente dal numero di persone coinvolte. 100'000 persone in una marcia legale non disturbano nulla, una persona seduta da sola su un’autostrada sì. Siate certi che le nostre bande di ribelli sono capaci di causare tanto bonario disordine quanto pensano sia necessario per raggiungere i loro obiettivi ;) Tuttavia, il disordine è solo un mezzo per un fine - non vinceremo a meno che non creiamo un vortice nella società, ispirando un gran numero di persone a unirsi a questa lotta per le loro vite, sopraffacendo il sistema. È qui che entrano in gioco i numeri: più persone siamo all’inizio della ribellione, più persone è probabile che ispiriamo e attiriamo nei giorni successivi, costruendo lo slancio e diventando davvero inarrestabili. Una persona seduta su una strada è molto commovente e ha il potere di ispirare altri a trovare il loro coraggio. La nostra strategia si basa sull’organizzazione guidata dallo slancio: in un gioco di domini sociali, miriamo ad essere la spinta iniziale che mette in moto la società, spingendola verso un punto di svolta sociale oltre il quale un profondo cambiamento politico è inevitabile. Unisciti a noi, aggiungi il tuo peso, e insieme saremo inarrestabili!

Ci concentriamo su ciò che è necessario. Nient’altro ha funzionato e stiamo correndo verso l’estinzione più velocemente che mai. Quindi, se questo è quello che serve, ci siederemo pacificamente sulla strada nella più grande città del paese, causando disordini di massa, e ci rifiuteremo di muoverci per tutto il tempo necessario perché il governo smetta di ignorare le nostre richieste di base, perfettamente sane, o perché tutti i nostri ribelli arrestabili siano in custodia. Nient’altro servirà quando si è minacciati dal collasso della propria civiltà e dalla perdita di tutto ciò che si ha di più caro.